Home Quaderni di Sant'Eufemia Santa Croce 2010 La storia della tradizione Le Feste Quinquennali negli anni '70
Nov 23
Giovedì
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
  • Amici Dell'Arte
Le Feste Quinquennali negli anni '70

Nel 1970 il parroco, mons. Giulio Pini pensa di riprendere la sentita devozione alla reliquia della S. Croce, fissando una scadenza quinquennale. Grande entusiasmo si è manifestato nel predisporre addobbi lungo le strade dove sarebbe transitata (per la prima volta anche lungo le vie Thesauro, Ontini, Noventa, S. Gaetano) la processione che è stata ben partecipata. Erano però gli anni problematici  della contestazione e del ripensamento, per cui nella preparazione si erano previsti momenti di riflessione sul tema cruciale della fede e della salvezza con una partecipazione però non sempre soddisfacente.

feste 1970 - processione sul parco della parrocchiale

 

feste 1970 - processione sul parco della parrocchiale 2

Le celebrazioni tornano poi regolarmente ogni cinque anni con la duplice preoccupazione: valorizzare la bella disponibilità della gente a predisporre un percorso festoso e accogliente per il passaggio della reliquia con la processione, ma aiutare anche le persone a scoprire il significato e il valore della Croce nel progetto divino della salvezza e quindi nella vita degli uomini e della società.

Nel 1975, in concomitanza con l’Anno Santo, la riflessione si è concentrata sul tema della salvezza e quindi sul significato della croce che per  tutti può essere prova e sofferenza, ma per i credenti è sorgente di speranza e di vita.

 

(da: A. Mantovani, LA VENERAZIONE DELLA RELIQUIA DELLA S. CROCE NEI SECOLI, in Comunità, S. Eufemia, giugno 2010)
Foto: Archivio Mario Bertoli

 

 
Home Quaderni di Sant'Eufemia Santa Croce 2010 La storia della tradizione Le Feste Quinquennali negli anni '70